0
0 In Poesie

Torri d’avorio

lo-scoglio-dellulivo-anna-ciardullo-villapiana

Cerchi di fumo dalle tue labbra
si perdono nelle mie,
viaggi lontani nel blu
e mani impazienti
a tessere trame di sogni e paure.

Strade grigie di città
si illuminano al tuo passare
e il cuore batte forte,
mentre riempi in fretta i fogli
con parole partorite
nella nebbia
e i pensieri si allargano
in cieli di sole
e prati di riso e pianto.

La musica batteva al ritmo del cuore
e i piedi seguivano traiettorie
tracciate dai sogni,
bacchette d’ebano su piatti di gioventù
scandivan le ore
e lei ci insegnava
a capire ciò che eravamo
e ciò che sarebbe rimasto
del tempo e dei luoghi
nell’anima.

Lei che passava dalle tue alle mie labbra
nascondendosi tra i fili di quelle trame,
lei che viaggiava con noi nella luce
di torri d’avorio
e veniva calpestata, spenta,
abbandonata,
prima di sorgere dalla cenere
e dalle tue labbra.

 

Al di là del mare, Dialoghi DiVersi, 2018
Anna Ciardullo Villapiana ©


You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply